Bes/Inclusione

Il V Circolo didattico di Napoli pone particolare attenzione all’Inclusione Scolastica, intesa non come semplice inserimento ma come vero e proprio processo costruttivo di crescita di ogni singolo alunno mediante la valorizzazione delle abilità, potenzialità ed interessi all’interno di un contesto sociale e cooperativo. L’integrazione si traduce, nel lavoro quotidiano, in due aspetti principali: la cooperazione e la personalizzazione, elementi della didattica che sembrano quasi opposti ma che in realtà sono complementari difatti bisogna tenere conto di entrambi per comprendere come il bambino giunga a mettersi in relazione con gli altri rafforzando nel contempo la propria unicità di persona. Attraverso il lavoro cooperativo si può strutturare un percorso didattico personalizzato, permettendo a ciascuno di sentirsi diverso, unico e uguale rispetto a tutti gli altri all’interno di un contesto costruttivo e condiviso.

L’orientamento che da sempre ci caratterizza è quello volto ad “accogliere” tutti gli alunni in situazione di difficoltà cercando risorse aggiuntive intese come persone, strutture, strumenti. Per questo la scuola si organizza e pianifica le attività educativo-didattiche per rispondere in modo flessibile ai bisogni e alle esigenze di ognuno attraverso risposte più articolate che sappiano riconoscere all’alunno la dignità come persona e il diritto al massimo sviluppo possibile.

L’attenzione è massimamente rivolta agli alunni che presentano difficoltà di ogni genere in riferimento anche alle novità e ai cambiamenti previsti dalle norme vigenti che mirano ai BES (Bisogni Educativi Speciali). Con la Direttiva Ministeriale “Strumenti d’intervento per alunni con Bisogni Educativi Speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica” l’attenzione viene infatti estesa ai Bisogni Educativi Speciali nella loro totalità, andando oltre la certificazione di disabilità, per abbracciare il campo dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento, lo svantaggio sociale e culturale, le difficoltà linguistiche per gli alunni stranieri, ecc.   Con essa saltano tutte le differenze perché non vi è più una normalità cui adeguarsi: la differenza, infatti, è essa stessa normalità, è accolta come ciò che è più proprio. Diventa perciò anche superfluo specificare l'accoglienza della disabilità perché essa appare come una delle tante modalità di esistenza che, come tutte la altre, è portatrice di aiuto per la crescita della comunità. Nella nostra scuola ogni Bisogno Educativo diventa «Speciale» e, per lavorarci adeguatamente, si ha  bisogno di competenze e risorse «speciali», migliori, più efficaci che il V Circolo mette in pratica nella didattica quotidiana, nell’impegno costante di attenzione e dedizione che, da sempre, contraddistinguono il personale tutto della scuola.

L’inclusione scolastica rappresenta per noi una sfida, il tentativo di rispettare le necessità e le esigenze di tutti progettando ed organizzando gli ambienti di apprendimento e le attività in modo da permettere a ciascuno di partecipare alla vita di classe ed all’apprendimento nella maniera più attiva ed utile possibile per sé e per gli altri. 

PAI: Piano Annuale Inclusione 

Social

Top.

Contatti

5° Circolo Didattico "E. Montale"
Viale della Resistenza, 11/k - 80144 Napoli
C.F.: 94023840633
Tel/Fax: 0815430772
PEC: naee005006@pec.istruzione.it
Mail: naee005006@istruzione.it
Cod. Meccanografico: NAEE005006
© 2015 Design a cura della Sares s.r.l. / Web site v.1.0 - P.IVA: 05791401218 / Via Melisurgo, 15 80133 (NA)